Chi siamo e cosa facciamo?

L'Associazione Volontari Ospedalieri (AVO) con sede a Correggio è una organizzazione di volontariato, costituita nel 1988, che conta oggi circa 70 volontari suddivisi tra l'ospedale S. Sebastiano di Correggio, la casa-residenza per anziani comunale di San Martino in Rio e la casa-residenza per anziani "L. Guidotti" di Fabbrico.

In ospedale a Correggio, il volontario AVO presta servizio nei reparti di Riabilitazione Motoria e di Neuroriabilitazione.

La specificità del volontario AVO è di offrire ai degenti e agli anziani calore umano, dialogo, aiuto per lottare contro la sofferenza, l’isolamento, la noia, con l'esclusione però di qualunque mansione tecnico-professionale di competenza esclusiva del personale medico e paramedico.

prev next

I compiti del volontario AVO sono:
- ascoltare con attenzione e calore umano chi lotta contro la solitudine e la sofferenza;

- svolgere attività assistenziali per i malati e per gli anziani, quali l'accompagnamento e l'accudimento della persona nel compimento dei propri bisogni primari, in collaborazione con il personale dell'ospedale, delle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali;

-  offrire un servizio organizzato, qualificato e gratuito;
- collaborare con le istituzioni per perseguire gli obiettivi di umanizzazione, di personalizzazione, di informazione e di educazione alla salute, nel rispetto dei ruoli e delle competenze previste dalla normativa vigente;

-  impegnarsi anche in progetti e sperimentazioni a favore di soggetti svantaggiati, fragili, poveri, immigrati, disabili fisici e psichici.

Il volontario garantisce rispetto e riservatezza ad ogni persona o situazione che incontra, presta servizio in orari e giorni stabiliti, indossando un camice bianco con il colletto azzurro e il cartellino di riconoscimento, che ne rende visibile l'appartenenza all'Associazione.

Rapporti con enti ed istituzioni

La presenza dei volontari nelle varie strutture è regolamentata da specifiche convenzioni con gli enti pubblici di riferimento (Azienda USL di Reggio Emilia, ASP Magiera Ansaloni, Unione dei Comuni Pianura Reggiana).
L'AVO di Correggio partecipa, tramite un proprio rappresentante, alle riunioni del Comitato Consultivo Misto (CCM) del Distretto di Correggio

Collabora con le istituzioni pubbliche, tramite protocolli d'intesa o convenzioni, per l'attuazione di specifici progetti che rientrano tra gli obiettivi statutari: 

- dal 2018 AVO collabora con l'AUSL di Reggio Emilia, il Servizio Assistenza Anziani del Distretto di Correggio ed altre associazioni di volontariato del territorio nell'iniziativa denominata "Telefono d'Argento", tramite telefonate settimanali effettuate dai volontari agli anziani soli, tese a rafforzare il sostegno e il monitoraggio della loro condizione di fragilità;

- da dicembre 2020 a giugno 2022 i volontari AVO sono stati in supporto del personale AUSL nella gestione delle postazioni di controllo degli accessi istituite per contrastare la diffusione del virus SARS-CoV-2, cosiddetti check-point, all'interno delle strutture sanitarie aziendali del Distretto di Correggio, in particolare nel CUP/centro prelievi e vaccinazioni anti-COVID di Correggio (edificio "Augusto e Vittorio Lodini") e nella Casa della Salute di Fabbrico;

- da luglio 2022 a gennaio 2023 i volontari AVO sono stati presenti all'ingresso dell'edificio "Augusto e Vittorio Lodini" per l'accoglienza degli utenti che si sono sottoposti alla vaccinazione anti-COVID.

L'AVO di Correggio è socia dell'AVO Regionale Emilia Romagna, impegnandosi a rispettarne lo statuto e a partecipare alle assemblee o agli incontri formativi da essa organizzati.


È inoltre socia di FEDERAVO, la Federazione delle AVO d'Italia, impegnandosi a rispettarne lo statuto e a partecipare ai convegni nazionali, alle conferenze dei presidenti o ad altri eventi da essa organizzati.


Sostenere l'Associazione

Per sostenere le attività dell'AVO di Correggio:

 - il contribuente, al momento della dichiarazione dei redditi, può scegliere di destinare all'Associazione il proprio 5 per mille dell'IRPEF, senza che questo comporti un maggiore esborso a proprio carico. Il codice fiscale dell'Associazione Volontari Ospedalieri Correggio ODV, da indicare in sede di dichiarazione dei redditi, è 91016940354.

 - È possibile inoltre effettuare una erogazione liberale tramite bonifico sul conto corrente bancario intestato ad A.V.O. Associazione Volontari Ospedalieri sezione di Correggio, istituto di credito Crédit Agricole Cariparma agenzia di Correggio, IBAN: IT15N0623066320000040186720, specificando come causale “erogazione liberale”.


 

     Notizie dall'AVO     

27 gennaio 2024

Convocazione del Consiglio Direttivo

I membri del Consiglio Direttivo sono convocati mercoledì 31 gennaio 2024 alle ore 19.00 in sala riunioni Nedda Sologni dell'Ospedale S. Sebastiano di Correggio.

Nella sezione modulistica e documenti è possibile visionare l'avviso di convocazione con l'ordine del giorno.

 

21 gennaio 2024

Corso di formazione per volontari AVO

L'AVO Regionale Emilia Romagna ha organizzato un corso di formazione per aspiranti volontari AVO che si svolgerà online tra il 13 e il 27 febbraio 2024 dalle ore 20.45 alle 22.00.
Alla pagina formazione è possibile consultare il programma.
Per l'iscrizione al corso contattare l'AVO Regionale tramite email all'indirizzo segreteria@avoemiliaromagna.it.

Il corso è gratuito e aperto a chi desidera iscriversi in AVO Correggio o in un'altra AVO territoriale della regione.

Alle cinque lezioni online seguiranno ulteriori due incontri in presenza, organizzati dalle singole AVO territoriali sui loro servizi specifici, che completeranno la formazione di base per gli aspiranti volontari AVO. Per AVO Correggio questi due incontri si svolgeranno il 5 e il 12 marzo dalle ore 19.00 alle 20.15 in ospedale a Correggio e tratteranno nello specifico il servizio AVO nei reparti ospedalieri di Neuroriabilitazione e di Riabilitazione Motoria e nelle case residenza anziani.

Per ulteriori informazioni sull'iscrizione in AVO Correggio scrivere a segreteria@avocorreggio.it oppure telefonare a Elena (tel. 338 2945719).